Italy

Please select...

Disclosure of the transfers of value to healthcare professionals in Italy

In recent years GSK has challenged the traditional commercial model of pharmaceutical companies with industry-leading improvements to how we do business. Our improvements aim to meet society’s growing expectation for organisations and individuals to act with transparency. This includes relationships between our industry and healthcare professionals (HCPs) or healthcare organisations (HCOs) so all of these interactions are conducted with integrity and transparency.

We fully support the European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations (EFPIA) Code of the European Federation of Pharmaceutical Industries and Associations (EFPIA) Transfers of Value from Pharmaceutical Companies to Healthcare Professionals and Healthcare Organisations.

Since the beginning of 2016, GSK ended payments to healthcare professionals to speak in our events about our prescription medicines or vaccines to audiences who prescribe or influence prescribing. At the same time GSK stopped providing financial support directly to individual HCPs to attend medical congresses (In Sweden, this change occurred 1 January 2015 in line with LIF’s ethical rules).

These changes at GSK are global and go further than the current industry codes. We want to reduce a potential perception among patients that they might be prescribed a medicine for any other reason than what it is right for their condition.

Collaboration with HCPs and HCOs continues to be important. GSK collaborates with HCPs and HCOs for non-promotional activities such as clinical research. We have also introduced new ways of delivering information to HCPs, introducing digital and real-time applications to improve delivery of medical information.

Under the EFPIA Code, the first disclosures – of payments made during 2015 – were made by 30 June 2016: these were disclosed transfers of value made in 2015 to HCPs and HCOs in connection with prescription medicines on an individual-named basis (aggregate by exception only). We are following the same process for disclosures of 2016 data of which all disclosures must be made by 30 June 2017.

The disclosure includes, for example, sponsorship of travel and costs for registration with medical congresses, fees to healthcare professionals for speaker arrangements or for moderating events and contributions to healthcare organisations. Transfers of value for activities related to research and development are published in aggregated form. The disclosures we are making in June 2016 under the EFPIA Code relate to 2015 before GSK ended speaker payments.

We believe that this publication will facilitate a better awareness of how the pharmaceutical industry works with healthcare professionals and organisations, helping improve the healthcare system and putting the patient’s interests first.  More information on the application of the EFPIA code, on how we are helping improve sector practices and the importance of our collaboration with healthcare professionals and organisations is available below and in greater detail

Our publication for Italy

The links given below lead to the disclosure for Italy in line with the EFPIA Code and with the Farmindustria Code of Ethics and a note specifying the methodology we used to enter the data in the report. 

Year

Report

Methodological Note

Infographic

2016 PDF PDF PDF
Previous year(s) 
2015 PDF PDF N/A

GSK has reported transfers of value relative to both GSK spa and ViiV Healthcare srl in a single document as both companies are part of the GSK group. Similarly the report discloses, in aggregate form, the transfers of value to Healthcare Professionals and Organisations, consequent to the acquisition of the vaccines business of Novartis and the creation of the joint venture in Consumer Healthcare sector between GSK and Novartis, in compliance with current legislation.

For media requests: please contact Chiara Crescini   chiara.a.crescini@gsk.com   

Our approach to implementing the EFPIA Code and HCP payments

Since 1 January 2016, we ended in all parts of the world any payments to external HCPs to speak about our prescription medicines and vaccines although payments before this date are reflected in the 2015 disclosures. For work with external HCPs, which now entails non-promotional activities only, we have applied a “no disclosure consent, no contract” policy to enable and drive disclosure at an individual level and therefore fulfil our commitment to the EFPIA code. This means:

  • Where individual-named disclosure is required under the EFPIA Disclosure Code we will actively seek the necessary consent from each HCP with whom we work.
  • We will not work with HCPs where consent is not given. Where consent is given but subsequently withdrawn we will not then work with that HCP on activities covered by individual disclosure for a period of one year.

We will continue to work with HCPs for non-promotional activities including conducting clinical research and seeking advice on clinical relevance and appropriate communication of the results of our research, as well as identifying new research areas, as these interactions are an essential part of how we ensure medicines we develop meet patients’ needs.

Find out how disclosing information on payments to doctors has already had positive effects in Europe.

We also continue to work towards publishing global figures at an aggregate level for payments to HCPs, for activities such as advisory services and clinical research. In many countries outside Europe we already publish payments to HCPs – for example, in Australia, Japan and the US. Find out more about our payments to HCPs in the USA, Europe and the rest of the world on the other pages within this section. We will continue to support and work towards increased transparency in other countries as industry associations and/or governments establish specific guidelines for disclosure. 

Pubblicazione dei trasferimenti di valore agli Operatori Sanitari Italia

Negli ultimi anni GSK ha sfidato gli assunti del modello tradizionale dell’industria farmaceutica con nuove modalità operative all’avanguardia nel settore e l’obiettivo di andare incontro alle sempre crescenti aspettative della società nei confronti delle organizzazioni e degli individui affinché agiscano con trasparenza. Tali aspettative includono anche le relazioni tra il nostro settore e gli operatori e le organizzazioni sanitarie affinché tutte le interazioni avvengano con integrità e trasparenza.

Condividiamo in pieno il Codice della Federazione Europea delle Industrie e Associazioni Farmaceutiche (EFPIA) sulla pubblicazione dei trasferimenti individuali di valore dalle aziende farmaceutiche ad operatori ed organizzazioni sanitarie.

Dall’inizio del 2016, GSK ha sospeso i pagamenti ad operatori sanitari che parlano ai nostri eventi dei nostri farmaci da prescrizione o vaccini a soggetti prescrittori o che possano influenzare la prescrizione. Allo stesso tempo GSK ha smesso di sostenere la partecipazione di singoli operatori sanitari a convegni e congressi. (In Svezia questo cambiamento è avvenuto dal 1 gennaio 2015 in linea con le regole di LIF l’Associazione Svedese delle Indutrie Farmaceutiche).

Questi cambiamenti sono intervenuti in GSK a livello globale e vanno oltre gli attuali codici di settore. Vogliamo ridurre una potenziale percezione da parte dei pazienti che possa essere stato loro prescritto un farmaco per ragioni diverse rispetto al fatto che sia il farmaco giusto per la loro condizione di salute.

La collaborazione con gli operatori e le organizzazioni sanitarie continua ad essere importante. GSK collabora con operatori e organizzazioni sanitarie per attività non promozionali come, ad esempio, la ricerca clinica. Abbiamo inoltre introdotto nuove modalità per portare l’informazione scientifica agli operatori sanitari, avviando attività digitali e applicazioni real-time per migliorare la diffusione dell’informazione medico scientifica.

In base al Codice EFPIA, la prima pubblicazione - dei trasferimenti di valore riferiti all’anno 2015 – è stata fatta entro il 30 giugno 2016: in tale pubblicazione erano inclusi i trasferimenti di valore relativi al  2015 a operatori e organizzazioni sanitarie e collegati a farmaci su prescrizione su base nominativa individuale (la pubblicazione in aggregato è prevista solo a fronte di specifiche condizioni).

La pubblicazione  riguarda, ad esempio, sponsorizzazione per viaggi e costi di registrazione  a congressi medici, compensi ad operatori sanitari per tenere discorsi o moderare  eventi e contributi liberali ad organizzazioni sanitarie. I TOV erogati per attività di ricerca e sviluppo vengono pubblicati in forma aggregata.

Crediamo che questa pubblicazione favorirà una migliore consapevolezza su come l’industria farmaceutica lavora con gli operatori e le organizzazioni sanitarie, contribuendo a migliorare il sistema della salute e mettendo l’interesse del paziente al primo posto.  Maggiori informazioni sull’applicazione del  codice EFPIA, su come stiamo contribuendo ad apportare miglioramenti alle pratiche del settore, e sull’importanza della nostra collaborazione con operatori e organizzazioni sanitarie possono essere trovate di seguito e in maggior dettaglio qui.  

La nostra pubblicazione per Italia

I link sotto indicati portano alla pubblicazione per l’ Italia in linea con il Codice EFPIA e con il Codice Deontologico di Farmindustria, e ad una nota che specifica la metodologia che abbiamo utilizzato per inserire i dati nel report. 

anno

report

nota metodologica

infografica

2016 PDF PDF PDF
anno/i precedente/i 
2015 PDF PDF N/A

GSK ha rendicontato in un unico documento i TOV relativi a GSK spa e ViiV Healthcare srl perché riguardano società del Gruppo GSK. Analogamente, verranno pubblicati in tale documento, in forma aggregata, i trasferimenti di valore erogati ad Operatori ed Organizzazioni Sanitarie, conseguenti l’acquisizione del settore vaccini da Novartis e la creazione della joint venture nel settore Consumer Healthcare tra GSK/Novartis, in conformità con la normativa vigente.

Per richieste da parte dei media: contattare Chiara Crescini   chiara.a.crescini@gsk.com   

Il nostro approccio nell’applicazione del Codice EFPIA e nei TOV agli operatori sanitari

Dal 1 gennaio 2016 GSK ha deciso di sospendere in tutto il mondo qualsiasi pagamento, agli operatori sanitari esterni, per parlare dei propri farmaci o vaccini, mentre i TOV antecedenti tale data sono indicati nella pubblicazione per il 2015. Per la collaborazione con gli operatori sanitari, che ora riguarda solo attività di tipo non promozionale, abbiamo scelto di applicare una politica che prevede di poter collaborare solo con quegli operatori sanitari che autorizzano la pubblicazione nominativa dei TOV ricevuti, previo  consenso scritto, per essere in perfetto allineamento con il codice EFPIA. Questo significa che:

  • Laddove l’EFPIA Disclosure Code preveda la disclosure nominative su base individuale abbiamo provveduto ad ottenere il necessario consenso da parte dell’Operatore Sanitario con il quale collaboriamo.
  • Non collaboreremo con gli operatori sanitari che non hanno rilasciato il proprio consenso. Nel caso il consenso sia stato rilasciato da un Operatore Sanitario, e successivamente ritirato, non collaboreremo con lui per un periodo di un anno, su attività oggetto di pubblicazione nominativa.

Continueremo a collaborare con operatori sanitari per attività non promozionali, incluse attività di ricerca clinica, chiedendo pareri sulla rilevanza clinica e sulla comunicazione appropriata dei risultati della nostra ricerca, così come continueremo ad identificare nuove aree di ricerca poiché queste interazioni sono essenziali per assicurare che i farmaci che sviluppiamo incontrino i bisogni dei pazienti.  

Scopri come la pubblicazione delle informazioni sui trasferimenti di valore agli operatori sanitari abbia già avuto i primi positivi effetti in Europa.

Continuiamo anche nel nostro impegno nella ricerca con la pubblicazione dei dati globali, a livello aggregato, per TOV ad operatori sanitari per servizi di consulenza e ricerca clinica. In molti paesi extra-Europei pubblichiamo già da alcuni anni i TOV erogati agli operatori sanitari, ad esempio in Australia, Giappone e Stati Uniti.

Scopri di più sulla pubblicazione dei trasferimenti di valore ad operatori sanitari negli Stati Uniti, in Europa e nel resto del mondo nelle altre pagine di questa sezione. Continueremo a sostenere e a lavorare con le associazioni di settore e/o i governi che vareranno specifiche linee-guida di pubblicazione, per aumentare la trasparenza in altri paesi. 

Back to top